venerdì 27 febbraio 2015

La linea di centro campo

E' una cosa che succede, è inutile che tu continui a correre contro corrente.

Esiste una linea bianca al centro di questo campo chiamato vita, 
che divide in maniera sostanziale la squadra dei SANI e la squadra dei MALATI.

In questo caso non giocano l'uno contro l'altro.

Succede però che ad un certo punto ti cambiano di squadra. 

E non capisci perchè.

Ti volti e vedi la divisa della tua vecchia squadra che ti piaceva da matti.

E' fatta di felicità, serenità, leggerezza, frivolezza, disinvoltura, divertimento, vacanza, lavoro, pic nic, risate, compagnia, passeggiate, mare, montagna, notte, giorno.

E poi guardi la tua divisa, quella che non vuoi, che non si addice a te, che non è nemmeno su misura per te. Anzi è grande, troppo! Pesa, è fastidiosa, punge.

E la cosa peggiore è che è composta da dolore, sofferenza, ospedali, aghi, operazione, flebo, controlli, ansie, panico, port, picc, tac, risonanze, scintigrafie, esami, apnee.

E ti volti e guardi quella linea di mezzo campo e capisci che alla fine di la ci potrai anche tornare, quella linea la potrai anche superare di nuovo, 
ma ne uscirai modificato
 e di là comunque ci andrai mettendo nel tuo bagaglio la divisa della nuova squadra.
Anche se non la indosserai mai più.
Lei resterà con te in qualche modo.

Un bacio a tutte.
Laura

7 commenti:

  1. mi stupisco ogni volta che leggo un tuo post perchè sei così diretta nel descrivere la situazione. Io invece divido il mondo dei sani , quelli che si ritengono, i più intelligenti fortunati, i più ignoranti magari parlano di te dicendo che "lei ha il cancro", ma di questo ne abbiamo già discusso. Io sono anche contenta di averla indossata l'altra maglia, mi ha regalato tante cose belle non solo sofferenza e paura.... potremmo parlarne per ore io e te...
    bacioni Annamaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Annamaria, nel mondo dei sani, come in ogni contesto, c'è sempre chi si mette su un piedistallo e decreta sentenze. Come il dire "lei ha un cancro" o altre frasi del genere. Io sono romantica di mio, sognatrice ci sono diventata grazie a mio marito, e vedo sempre il lieto fine di ogni cosa, la ciliegina sulla torta, il tramonto in riva al mare coccolata dalle onde... sono fatta così, quindi se anche io e te sappiamo che di la si può tornare, sappiamo anche che ci potremo anche mischiare, ma ci riconosceremo anche ad occhi chiusi. Ti voglio bene. Un bacio enorem

      Elimina
  2. ricordati di essere felice, anche con la maglia della seconda scuadra, quella che è troppo grande e che punge
    ricordati di essere felice ogni giorno perchè potrai aggiungere nuove toppe a quella maglia, quelle con su scritto famiglia, figli
    ricordati di essere felice perchè anche se punge potrai cucirci dentro una fodera di cotone fatta di amore per la vita
    ricordati di essere felice perchè anche se troppo grossa potrai farla accorciare da chi ti vuole bene ed è felice ogni giorno di averti ancora accanto
    mamma corraggiosa un bacio per regalarti un solo piccolo istante di felicità VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria.... sei semplicemente splendida!!!!! "Ricordati di essere felice"... grazie. Oggi lo ricordi tu a me. E' una settimana strana a breve capirai... ecco perchè forse vacilla un pochino la spensieratezza... ma come sempre: si barcolla ma non si molla. Sei davvero meravigliosa...Un bacio grande

      Elimina
  3. Carissima amica mia, sono sempre con te, col pensiero ma sempre con te, quest'anno viene di domenica e non di sabato, ma il primo di marzo sarò con te e mi dedicherò a qualcosa di creativo in tuo onore perché tu ti riprenda il tuo primo marzo. Marzo, primavera, il tuo compleanno, il compleanno della tua piccola, DEVE tornare tuo. Prego ogni giorno perché tu torni il prima possibile nella vecchia squadra e ha ragione Valeria ricorda di essere felice anche in questa divisa orribile, ha ragione Annamaria questa divisa orribile una volta tornata nella vecchia squadra e nella vecchia divisa diventerà un valore aggiunto, una medaglia da appuntare sul petto che riconoscerà il tuo diverso e maggiore valore sulla divisa comune a tutti gli altri. Barcolla pure Laura si è esseri umani e non si può e non si deve essere troppo forti, personalmente l'ho imparato troppo tardi ma cmq meglio che mai. Barcolla ma NON MOLLARE amica mia. Ti voglio bene.

    RispondiElimina
  4. Oh Pam... hai centrato il bersaglio. Sai che per me questa settimana più che di convalescenza, è un "rewind" continuo. E domani sarà il giorno in cui tutto si è fermato. Per un attimo il mio mondo ha smesso di girare, di battere, di muoversi, di vivere... Ma piano piano rieprendo tutto ciò che mi è stato portato via.... E so che voi mi aiuterete in questo. Grazie mille Pam. Anche io ti voglio bene.

    RispondiElimina
  5. Riprenderai tutto, e ti aiuteremo sí. Ci puoi contare amica mia, davvero.

    RispondiElimina