lunedì 23 febbraio 2015

Gomitolo Rosa - Il filo che unisce



Cosa c'entra un gomitolo rosa con il cancro al seno?
C'entra molto più di quel che pensiamo.

La storia di Gomitolo Rosa nasce a Biella nel 2012, nella città della lana.
Una volta ogni famiglia filava la lana, pratica ormai non più in uso, ma essendoci oggi una richiesta sempre maggiore di carni ovine, c'è un esubero di lana, la quale da ricchezza è diventata un costo, essendo considerato un rifiuto speciale.

Gomitolo Rosa nasce con l'intento di
- contribuire al recupero della lana autoctona
- promuovere il lavoro a maglia
- raccogliere fondi per le associazioni di pazienti a partire da quelle impegnate sul fronte del tumore al seno, 1° caso di mortalità femminile in Italia.

E così un rifiuto speciale si trasforma in oltre 70.000 gomitoli di lana, distribuiti nelle sale d'attesa di oltre 200 ospedali italiani, e promuovendo il Knitting del lavoro a maglia, Gomitolo Rosa permette così di vincere l'ansia legata alla malattia.


Nel sito viene spiegato inoltre che c'è un codice internazionale con cui vengono assegnati i colori ai vari tumori.

tumore al polmone 
 tumore alle ossa
tumore al cervello
tumore alla prostata
tumore al colon
tumore ai reni
tumore ai testicoli
etc.etc

Grazie a questi colori, Gomitolo Rosa può ampliare il suo orizzonte e creare più gomitoli di lana ed aiutare più associazioni.

Ogni gomitolo corrisponde ad un'offerta libera il cui ricavato viene destinato a favore delle associazioni di pazienti.

Il filo di Gomitolo Rosa ne unisce già molte in Italia e si estenderà a tutte quelle associazioni che danno conforto a chi è malato.

Per maggiori informazioni

Questo il sito

E allora cosa dite? 
Ci mettiamo a lavorare a maglia?!?!
 Potrebbe essere un'idea originale per contribuire ad aiutare queste associazioni.

Un bacio a tutte.
Laura

4 commenti:

  1. ....non l'ho mai fatto e mi sembra un'occasione più che ottima per provarci. Vado a vedere il sito.
    Sempre con te.

    RispondiElimina
  2. Ciao Pam, non sapevo nemmeno io dell'esistenza. Poi Mina mi ha detto, e mi è sembrato doveroso metterlo a conoscenza di chi mi segue. Adesso so dove comprare la lana.... Un bacio

    RispondiElimina
  3. un iniziativa molto bella
    un abbraccio valeria

    RispondiElimina